Mi chiamo Germano, una scelta di mio padre. Lui che è sempre stato una specie di rivoluzionario, progenitore del naming e amante delle lettere d’amore.

Scopri di più

categorie

ricerca

18 Febbraio 2022

COME SI SCRIVE UN PAYOFF

Cos'è il payoff e come si scrive

Come si scrive un payoff? Perché è così importante averne uno? E perché ti permette di distinguerti dai tuoi concorrenti?

Scopriamolo insieme.

Indice:

  1. Cos'è il payoff e come si scrive

  2. La filosofia del payoff

  3. Come si scrive un payoff

  4. chiarezza

  5. brevità: come scriverlo bene

  6. unicità

  7. Scrivere un payoff da urlo: i vantaggi

  8. Parola chiave

  9. Quando usare il payoff

  10. Payoff famosi: idee per scrivere il tuo payoff


Cos'è il payoff

Cos'è un payoff?

In questo viaggio, scopriamo insieme come si scrive un payoff, in modo da farlo diventare il tuo simbolo, il tuo indimenticabile biglietto da visita?

È un po' come se fosse il titolo di una canzone o di un libro.

E spesso noi scegliamo proprio dal titolo se quella cosa ci piace oppure no.

Questo effetto possiamo chiamarlo colpo di fulmine, curiosità o forza irresistibile.

Il payoff è proprio questo, il gancio perfetto per catturare il cliente.

Quello sguardo provocante che seduce o comunque porta all'azione.

Insomma, il payoff è la tua frase simbolo, quella che esprime ciò che fai, la tua essenza, il tuo modo di essere.

Vogliamo paragonarla ad un selfie? Potremmo, sì.

Perché in fondo, scrivere il payoff è come scattarsi una foto.

E una foto deve venire bene. Non deve essere mossa. Deve essere nitida e senza occhi rossi. E Non devono esserci neppure elementi di disturbo.

Stessa cosa per il payoff: chiaro, diretto e indimenticabile.

Ora ti spiego come la penso.

Seguimi.

La filosofia del payoff

Scrivere un payoff non è facile.

Per assurdo è più agevole scrivere un testo più lungo.

E sai perché?

Perché in un testo lungo hai tanto spazio per esprimere un concetto.

Nel payoff devi concentrare tutto in 3-4 parole. Non di più.

Ecco che la filosofia è importante e tutto deve partire dal cliente.

È lui che deve indicarti la via, chiarendo cosa vuole esprimere, quale messaggio vuole trasmettere all'esterno attraverso la creatività del copywriter.

Un buona idea è quella di concentrasi su alcuni argomenti principali, indicati dal cliente.

Da questi argomenti, estrapolare alcune parole chiave e di queste studiare:

sinonimi

assonanze

suono

parole diverse ma con stesso significato

Un buon payoff deve essere coerente con il brand e con la sua scelta di fondo.

Payoff

Come si scrive un payoff

Tutto è legato alla creatività.

All'abilità di saper mescolare concetti ed elementi per tirar fuori una frase originale e attrattiva.

Ma i requisiti che il payoff perfetto deve assolutamente avere sono:

chiarezza

brevità

unicità

beneficio

Chiarezza del payoff

Il payoff deve essere chiaro, coerente con il brand e con la sua nicchia.

Mai fuorviare il cliente.

Dal payoff deve emergere cosa si fa e perchè.

Ti dicevo che non è facile, ed ora capisci perché.

La chiarezza, in questo tipo di copy è strattamente legata ai termini sche si sceglie di utilizzare.

Sempre meglio usare parole comuni.

La differenza non la fa tanto il linguaggio forbito, quanto la capacità di sommare 3 o 4 parole e trarne un concetto originale ed espressivo.

Brevità del payoff: come scriverlo bene

Più volte ho scritto che un payoff perfetto deve essere breve.

E per breve intendo non superare le 4 parole.

E qui aggiungo che se fossero 3 sarebbe meglio.

2 il top.

Non è facile. Non lo è affatto.

Ma un payoff lungo, e ce ne sono, non produce lo stesso effetto colpo al cuore di uno breve.

Perché la tensione si alleggerisce nel leggere un testo più lungo, mentre quando le parole sono poche e ben strutturate, allora sì che il colpo è deciso e permanente.

Come si scrive il payoff

Unicità del payoff

Chiaro e breve. Ok.

Ma il payoff deve essere anche unico.

Che intendo?

Che deve essere originale e indimenticabile.

Il payoff da applausi è quello capace di essere ricordato sempre, quello che una volta letto resta in testa.

Un po' come il ritornello di un tormentone estivo.

Se non si stampa nella mente allora non è quello giusto.

Una volta letto, deve stupire, togliere il fiato.

È come ricevere un bacio improvviso da chi ami da sempre.

Dimenticheresti questo momento?

 

Scrivere un payoff da urlo: i vantaggi

Altro elemento da tener sempre presente è il beneficio.

Dal tuo straordinario payoff dovrebbe emergere anche il vantaggio per il cliente.

Quel bonus che avrebbe scegliendo te.

Quindi, non basta che il payoff sia indimenticabile, chiaro e breve, deve anche far percepire a chi lo legge una sensazione di benessere.

È il cerchio che si chiude.

Leggo il payoff, mi colpisce, mi resta in mente poiché breve, chiaro e attraente. E mi mostra che cosa può darmi il prodotto o servizio a cui si riferisce.

Capito?

Cos'è il payoff

Parola chiave

Paragrafo cortissimo, solo per un'ultima chicca.

Se (dico se, perché davvero non è facile) riesci ad inserire nel copy del tuo payoff, anche la parola chiave sulla quale vuoi posizionarti sui motori di ricerca, allora sei da applausi scroscianti.

Quando usare il payoff

Una domanda ricorrente, oltre al cos'è il payoff. E una sola risposta: sempre.

Tutti, siano essi brand, freelance o qualunque altra cosa, dovrebbero avere ed utilizzare nella loro comunicazione un payoff efficace.

Un po' come il vecchio biglietto da visita, che si lasciava ad ogni occasione.

Il payoff è questo, il tuo biglietto da visita ogni qual volta un utente atterra nel tuo sito.

Il payoff è strategia, comunicazione e gentilezza.

Io non ne farei a meno, mai.

Payoff famosi: idee per scrivere il tuo payoff

Per chiarirti ancor di più le idee sul concetto di payoff e sulla sua inestimabile importanza, ti indico alcuni esempi di payoff, tra i più famosi.

E lascio a te ogni valutazione.

Buon divertimento.

Barilla: dove c'è Barilla c'è casa.

Apple: Think different.

Nutella: che mondo sarebbe senza Nutella.

Galbani: Galbani vuol dire fiducia.

Nike: Just do it.

Mastercard: scopri il mondo con Mastercard.


Hai già creato il tuo payoff?

Lo so che sei bravissimo, ma se dovessi aver bisogno di me, io ci sono.

E se ti va, scopri cosa ho creato per il Bistrot Rizziero.

Payoff? Lettereinblu è on!

    • Condividi:
    0 Commenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Lettere in blu

    Iscriviti a

    Lettere gentili

    Lettere gentili è la newsletter che parla al cuore e ti dona la guida “Amo la punteggiatura”. Iscriviti >

    Con Lettere in Blu mi occupo di storytelling gentile e scrittura per il web, per aiutarti a comunicare al meglio l’identità del tuo brand. Scriviamo la bellezza del tuo brand, con parole gentili ed efficaci, che faranno innamorare.

    © 2022 lettere in blu di germano chiaverini | p.iva 01625090665 | Privacy Policy
    brand & web design Miel Café Design
    crossmenu